Trent’anni fa il rapimento del piccolo Giuseppe Di Matteo

da

24 Novembre 2023

la Repubblica Palermo

Il 23 novembre di trent’anni fa, il boss Fifetto Cannella corse nel garage di vicolo Guarnaschelli, a Brancaccio, dove un commando era già riunito, in attesa della battuta: «U picciriddu è arrivato al maneggio di Villabate», disse. E partirono su due auto che avevano i lampeggianti, come quelli della polizia. Fu Salvatore Grigoli, il killer che due mesi prima aveva spara-to a don Pino Puglisi, a dire al pic-colo Giuseppe Di Matteo, il figlio dodicenne del collaboratore che stava svelando i segreti della strage di Capaci: «Siamo della prote-zione, dobbiamo portarti da tuo padre». E il bambino rispose: «Sì, sangu di me patri».

Articoli recenti

“Spaccio Ciauli”: filiera corta e consumo critico

È stato inaugurato lo scorso 1° febbraio in via Cluverio, 32 a Palermo “Spaccio Ciauli”, il...

Al via la nostra nuova rubrica “Scintille di Futuro”

Inauguriamo oggi la nuova rubrica online "Scintille di Futuro", un lavoro editoriale a cura della...

Processo Araldo: confermate condanne in appello

È stata confermata in appello, con delle lievi riduzioni di pena,  la sentenza di primo grado del...

La rete dei ristoranti di Addiopizzo a sostegno di “Via Libera”

Dal 16 al 18 febbraio 9 ristoranti e pizzerie che fanno parte della rete di Addiopizzo sostengono...

Calciando in rete: con i ragazzi della Magione ci mettiamo in gioco

Quest’anno il Torneo “Calciando in Rete”, promosso e organizzato dall’Associazione Culturale San...

In difesa della libertà di informazione, Addiopizzo a sostegno della stampa siciliana

L'Associazione Siciliana della Stampa ha convocato il suo Consiglio regionale in forma...
ULTIME DAI GIORNALI
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE