Delitto Gioitta, 33 anni senza giustizia

da

24 Novembre 2023

Giornale di Sicilia

Venne ucciso come un mafioso ma non era un mafioso. Gli spararono  prima alle spalle e poi il colpo di grazia: un proiettile dritto al cervello. Una vera e propria esecuzione. Con un coltello poi gli tagliarono la gola, per lanciare un messaggio intimidatorio a tutti coloro che non si piegavano al pizzo. Sono passati 33 anni da quell’efferato delitto. Era il 21 marzo 1990 quando Nicola Gioitta, originario di Siracusa ma con una gioielleria aperta nella via principale di Niscemi, intorno alle 9 del mattino, venne ammazzato, a soli 28 anni, per non per essersi piegato al pizzo.

Articoli recenti

“Spaccio Ciauli”: filiera corta e consumo critico

È stato inaugurato lo scorso 1° febbraio in via Cluverio, 32 a Palermo “Spaccio Ciauli”, il...

Al via la nostra nuova rubrica “Scintille di Futuro”

Inauguriamo oggi la nuova rubrica online "Scintille di Futuro", un lavoro editoriale a cura della...

Processo Araldo: confermate condanne in appello

È stata confermata in appello, con delle lievi riduzioni di pena,  la sentenza di primo grado del...

La rete dei ristoranti di Addiopizzo a sostegno di “Via Libera”

Dal 16 al 18 febbraio 9 ristoranti e pizzerie che fanno parte della rete di Addiopizzo sostengono...

Calciando in rete: con i ragazzi della Magione ci mettiamo in gioco

Quest’anno il Torneo “Calciando in Rete”, promosso e organizzato dall’Associazione Culturale San...
ULTIME DAI GIORNALI
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE