Trent’anni fa l’omicidio di Padre Pino Puglisi

da

15 Settembre 2023

Il 15 settembre 1993, Palermo, nel cuore del quartiere Brancaccio, veniva privata di uno dei suoi cittadini più coraggiosi, Padre Pino Puglisi. Il sacerdote impegnato a strappare dalla cattiva strada i giovani del quartiere e a migliorare le condizioni di vita dei suoi abitanti, veniva brutalmente ucciso per mano mafiosa. Oggi, trent’anni dopo, resta fondamentale continuare a ricordarne il suo impegno. La sua missione era chiara: offrire un’alternativa educativa e sociale ai bambini e ai ragazzi di Brancaccio per sottrarli a fenomeni di devianza e di criminalità organizzata che ancora oggi investono un quartiere sospeso tra speranza e disincanto.
Don Pino, come amava essere chiamato, credeva fermamente che la mafia non potesse essere sconfitta solo con le proteste e le denunce, ma richiedesse anche azioni ed interventi concreti.

Credo a tutte le forme di studio, di approfondimento e di protesta contro la mafia. La mafiosità si nutre di una cultura e la diffonde: la cultura dell’illegalità. La cultura sottesa alla mafia è la svendita del valore della dignità umana. E i discorsi, la diffusione di una cultura diversa, sono di grande importanza. Ma dobbiamo stare molto attenti che non ci si fermi alle proteste, ai cortei, alle denunce. Se ci si ferma a questo, sono soltanto parole. Le parole vanno convalidate dai fatti.
(Beato Giuseppe Puglisi)
Nel trentennale della sua morte vi condividiamo il programma di iniziative a cura del Centro di Accoglienza Padre Nostro.

5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
addiopizzo travel
addiopizzo store

ARTICOLI RECENTI

tutte le news >

Racket, 20 anni di resistenza

La notte fra il 28 e il 29 giugno la città fu tappezzata dagli adesivi: “Un intero popolo che paga è un popolo senza...