Processo ARALDO: Addiopizzo parte civile a fianco di chi è vittima di usura

da

8 Marzo 2022

Si è aperto oggi il processo nei confronti di 18 soggetti accusati a vario titolo di associazione per delinquere e usura ed estorsione anche aggravate dalla metodologia mafiosa.

All’udienza di stamane ci siamo costituiti parte civile assieme a una vittima di usura che nei mesi scorsi, assistita dalla nostra Associazione, ha raccontato i soprusi e le vessazioni subite.
L’indagine dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, coordinati dalla Procura di Palermo, ha consentito di individuare un gruppo di persone che prestavano soldi con tassi usurari nei comuni del Palermitano tra Bagheria, Ficarazzi e Villabate.

La nostra scelta di essere attivamente presenti nel processo è la naturale prosecuzione della nostra attività di assistenza concreta alle vittime in un momento in cui quello che più ci preoccupa non è solo il rischio di recrudescenza dell’usura e del condizionamento mafioso di imprese e famiglie in difficoltà.

Rispetto a tale pericolo magistrati e forze dell’ordine continuano a operare efficacemente liberando vittime, pezzi di territorio e di economia dal controllo di Cosa nostra. Quello che più ci inquieta è che i vuoti creati dall’azione repressiva possano, nel tempo, rimanere tali se l’accesso al credito per imprese e famiglie in difficoltà resta impantanato tra pastoie bancarie e burocratiche.

Rassegna stampa
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
addiopizzo travel
addiopizzo store

ARTICOLI RECENTI

tutte le news >

Pizzo a Borgo Vecchio, 28 condanne

Le estorsioni al Borgo Vecchio senza sconti a niente e nessuno: dai cantieri ai negozi e pure alle feste patronali con...