Storie di mafia e di antimafia. 7 – Pugnali e rivolte così nacque la strategia della tensione

da

11 Giugno 2015

Fonte: la Repubblica Palermo

Con la formazione dello Stato unitario funzionari e rappresentanti del regno sabaudo vanno alla scoperta della Sicilia. I rapporti dei luogotenenti del re danno un quadro preoccupante: gli atti di violenza sono all’ordine del giorno. Scriveva nel gennaio 1861 il luogotenente Massimo di Montezemolo: «Ieri, di giorno, qui in Palermo furono uccisi due ladri, in modo barbaro e selvaggio. Dubito che nelle Cabilie la tempra sia più feroce che nei beduini di questa parte dell’isola».

Leggi l’articolo

LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Articoli recenti

Relazione semestrale DIA: Cosa nostra cerca di mantenere la sua struttura unitaria

La relazione della DIA al Parlamento sul secondo semestre del 2021: Cosa nostra, con la...

Inclusione sportiva. Addiopizzo promuove visite mediche gratuite per i ragazzi della Kalsa

Addiopizzo promuove le visite mediche per i ragazzi che iniziano le attività di inclusione...

Presentazione del libro “Come mafia non comanda”

Martedì 27 settembre alle 18:00 presso Feltrinelli Libri e Musica in via Cavour 133 si terrà la...

32 anni fa l’omicidio del giudice Livatino

21 settembre 1990, sulla statale tra Canicattì e Agrigento veniva ucciso il giudice Rosario...

Sosteniamo Redattore Sociale

Redattore Sociale, voce online sui temi del disagio sociale, del volontariato e del Terzo Settore,...

Dona un albero per il giardino della memoria e dell’impegno di Casa Felicia

L’Associazione Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato in questi giorni si sta dedicando, con...
ULTIME DAI GIORNALI
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE