Palermo, i mafiosi di Resuttana chiedevano il pizzo ma gli imprenditori denunciavano senza pagare

da

16 Novembre 2023

Giornale di Sicilia

C’erano anche le estorsioni tra le attività principali degli uomini della cosca di Resuttana che sono stati arrestati nell’inchiesta condotta dalla Squadra mobile di Palermo e dalla sezione investigativa della Sco, su delega della Direzione distrettuale antimafia.

A denunciare la richiesta di pizzo ai carabinieri era stata la titolare di una ditta di costruzioni che, a dicembre dell’anno scorso, aveva un cantiere aperto in via Laurana. L’imprenditrice aveva riferito che un uomo con una felpa, a bordo di un ciclomotore elettrico, si era avvicinato a un operaio rivolgendogli le seguenti parole: «Digli al tuo principale che si cerca l’amico».

Articoli recenti

Addiopizzo si costituisce parte civile nei confronti dei 31 commercianti di Brancaccio

Nella giornata di ieri siamo stati ammessi dal giudice dal giudice per l’udienza preliminare parte...

La tap room di Ballarak si unisce alla rete di Addiopizzo

Per molti palermitani e non, Ballarak è un nome e un logo che sicuramente hanno incontrato e che...

Calciando in rete, la finale della ventesima edizione

Si è concluso il Torneo “Calciando in Rete”, promosso e organizzato dall’Associazione Culturale...

Pubblicate le graduatorie provvisorie per il Servizio Civile 2024

A seguito della fase conclusiva delle operazioni di selezione e di un’attenta e complessa...

L’ambasciatore tedesco Hans Dieter Lucas nella sede di Addiopizzo

Lunedì 10 giugno, nella nostra sede, abbiamo ospitato l'Ambasciatore tedesco Hans Dieter Lucas e...

PINA MAISANO GRASSI, A 8 ANNI DALLA SUA SCOMPARSA

Con te tutto è nato ed è cresciuto. Ti sei resa familiare subito e ci hai dato una forma che era...
ULTIME DAI GIORNALI
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE