Operazione dei carabinieri, decapitata la cosca di Santa Maria di Gesù. In ventisette finiscono agli arresti

da

22 Novembre 2017

Fonte: la Repubblica – Palermo

I soldi della droga e delle estorsioni della famiglia di Santa Maria di Gesù venivano reinvestiti e ripuliti nella rete di agenzie di scommesse riconducibili a Cosa nostra in tutta la città. Il business delle scommesse fruttava decine di migliaia di euro a settimana al clan e si articolava in due settori: quello delle puntate clandestine gestite in toto dai mafiosi e quello online che utilizzavano le concessionarie ufficiali e su cui la famiglia mafiosa chiedeva una percentuale del 5 per cento. 

Leggi l’articolo

LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Articoli recenti

Must23 verso l’apertura: dal passato al presente, direzione futuro

Mancano ormai pochi mesi all'apertura di Must23 -  Museo Stazione 23, prevista nei giorni vicini...

Il liceo Marconi di Foggia da Addiopizzo

Lunedì 26 febbraio abbiamo accolto presso la nostra sede una novantina di studenti e studentesse...

Omicidio allo Sperone favoreggiatore di boss freddato a pistolettate

Una donna urla: «Me l’hanno am-mazzato». E un ragazzo l’abbraccia, dice: «Non dire nulla, non lo...

Ricordando Pietro Patti, imprenditore libero e onesto

Il 27 febbraio 1985 la mafia uccideva a Palermo  Pietro Patti. L'imprenditore non aveva ceduto...

Processo Resilienza, confermata sentenza in appello

È stata confermata in appello, con delle lievi riduzioni di pena,  la sentenza di primo grado...
ULTIME DAI GIORNALI
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE