Operazione dei carabinieri, decapitata la cosca di Santa Maria di Gesù. In ventisette finiscono agli arresti

da

22 Novembre 2017

Fonte: la Repubblica – Palermo

I soldi della droga e delle estorsioni della famiglia di Santa Maria di Gesù venivano reinvestiti e ripuliti nella rete di agenzie di scommesse riconducibili a Cosa nostra in tutta la città. Il business delle scommesse fruttava decine di migliaia di euro a settimana al clan e si articolava in due settori: quello delle puntate clandestine gestite in toto dai mafiosi e quello online che utilizzavano le concessionarie ufficiali e su cui la famiglia mafiosa chiedeva una percentuale del 5 per cento. 

Leggi l’articolo

LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Articoli recenti

In ricordo del giudice Rocco Chinnici

 29 luglio 1983. A Palermo, in via Pipitone Federico, un'autobomba uccide il consigliere...

In ricordo di Mario Bignone

Il 21 luglio del 2010 veniva prematuramente a mancare Mario Bignone, capo della Sezione Catturandi...

30° anniversario della strage di via D’Amelio

Martedì 19 luglio 2022 ricorre il 30° anniversario della strage di via D’Amelio in cui furono...

Presentazione del libro “Rinascere dalla mafia”

In occasione del 30° anniversario degli eccidi di Capaci e via D'Amelio, presentazione del libro...

“I paesi invisibili” di Anna Rizzo

Un viaggio nei piccoli borghi delle aree interne d’Italia tra isolamento e spopolamento,...

Processo Maqueda, la Cassazione conferma una sentenza senza precedenti

Passata in giudicato la sentenza di condanna (con un annullamento con rinvio nei confronti di un...
ULTIME DAI GIORNALI
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE