Il Maxiprocesso 30 anni dopo

da

29 Febbraio 2016

Fonte: la Repubblica

Sarà ancora vivo quello che si mangiava i chiodi per far finta di essere pazzo? Come si chiamava? Sinagra Vincenzo detto Tempesta, da non confonderlo con suo cugino – si chiamava come lui, Sinagra Vincenzo – che per tutti gli altri era pazzo per davvero perché si era pentito. E il vecchio Mario Labruzzo della Guadagna, è morto nel suo letto o è morto sparato? E che fine ha fatto Pietro Alfano “U’zappuni” per gli incisivi a forma di zappa? E Giovanni Di Giacomo “Il Lungo”? E Ludovico Bisconti di Belmonte Mezzagno? E Vincenzo Buffa? E Gioacchino Cillari? E Rocco Marsalone? Chissà dove sono finiti quelli del maxi processo di Palermo, la “crema” di Cosa nostra processata e condannata nel dibattimento che trent’anni fa – dal 10 febbraio 1986 al 16 dicembre del 1987 – segnò l’inizio della fine di una mafia padrona.

Leggi l’articolo

LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Articoli recenti

In ricordo del giudice Rocco Chinnici

 29 luglio 1983. A Palermo, in via Pipitone Federico, un'autobomba uccide il consigliere...

In ricordo di Mario Bignone

Il 21 luglio del 2010 veniva prematuramente a mancare Mario Bignone, capo della Sezione Catturandi...

30° anniversario della strage di via D’Amelio

Martedì 19 luglio 2022 ricorre il 30° anniversario della strage di via D’Amelio in cui furono...

Presentazione del libro “Rinascere dalla mafia”

In occasione del 30° anniversario degli eccidi di Capaci e via D'Amelio, presentazione del libro...

“I paesi invisibili” di Anna Rizzo

Un viaggio nei piccoli borghi delle aree interne d’Italia tra isolamento e spopolamento,...

Processo Maqueda, la Cassazione conferma una sentenza senza precedenti

Passata in giudicato la sentenza di condanna (con un annullamento con rinvio nei confronti di un...
ULTIME DAI GIORNALI
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE