Battere il pizzo facendo shopping a Palermo

da

10 Marzo 2017

Fonte: il venerdì di Repubblica

Fu la denuncia di otto imprenditori che ammettevano di aver pagato il pizzo, a provocare l’arresto di dodici boss di Corleone nel settembre scorso: una scelta coraggiosa senza precedenti nella terra di Totò Riina e Bernardo Provenzano, in paesi dove tutti si conoscono e i mafiosi si incrociano al bar.

Leggi l’articolo

LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Articoli recenti

Centotrent’anni fa l’omicidio Notarbartolo, il connubio tra mafia e politica

Era l'1 febbraio 1893. Emanuele Notarbartolo, sindaco di Palermo dal 1873 al 1875 e direttore del...

Inaugurato l’anno giudiziario nel distretto di Palermo: Cosa nostra in difficoltà ma tutt’altro che sconfitta

In occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario nel distretto della Corte di Appello di...

32 anni fa la lettera al “caro estortore”

In occasione dell'anniversario dell'appello di Libero Grassi, abbiamo accolto presso la nostra...

Nuovo bando per il Servizio Civile. Addiopizzo seleziona 3 volontari

Scegli di fare il Servizio Civile Universale con Addiopizzo, un'esperienza formativa di un anno...

In ricordo di Pippo Fava

Il 5 gennaio 1984 a Catania la mafia uccideva il giornalista e scrittore Giuseppe Fava. Catanese...

A Natale mettiamoci a posto

Come accade di consueto in prossimità delle festività di Natale, Cosa nostra ritorna a battere...
ULTIME DAI GIORNALI
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE