Le storie di chi si oppone alle estorsioni con il sostegno di Addiopizzo

da

La nuova storia della rubrica creata sul nostro sito dove raccontiamo periodicamente il percorso di chi, con il supporto di Addiopizzo, è riuscito a liberarsi dal fenomeno delle estorsioni, è quella di Angelo e Gaetano, giovani titolari del Caffè Verdone.

Quando nel dicembre del 2018 incontrammo i ragazzi del pub-pizzeria Bagheria erano intimiditi e con l’amarezza di essere sull’orlo di una crisi che rischiava di portarli alla chiusura di un’attività economica nella quale avevano investito sogni e sacrifici. E cosa c’è di più insopportabile di dover buttare al macero quello che hai costruito con sudore e passione mentre ti ritrovi costretto a lavorare in un clima di aggressione, risse ed estorsioni finalizzate ad imporre la vigilanza privata al proprio locale. 

I ragazzi del Caffè Verdone sono stati tra i pochi che, pur rifuggendo da ribalte, oltre a denunciare, accompagnati e con il supporto di Addiopizzo, hanno pure confermato in aula quanto hanno subito. L’indagine dell’Arma dei Carabinieri, coordinata dalla Procura di Palermo, e la conclusione del processo hanno consentito di accertare l’esistenza di un gruppo di persone dedite a imporre la vigilanza privata presso molti locali tra Palermo e Bagheria.

È un percorso che si conclude con una sentenza significativa e con il riscatto di due giovani imprenditori che sono tornati ad operare con successo e in condizioni di normalità.

Rassegna stampa

Processo Octopus: dalla denuncia del Caffè Verdone di Bagheria alle condanne degli estorsori
Giornale di Sicilia 9/05/2023

Palermo, il business dei buttafuori nelle mani della mafia: undici arresti
la Repubblica.it, 17/09/2019

“I buttafuori della mafia” Imposti nei locali: 11 arresti
Livesicilia.it, 17/09/2019

Palermo, le minacce per imporre i buttafuori: “il Signore deve guardare i tuoi figli…”
Giornale di Sicilia 17/09/2019

5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
addiopizzo travel

ARTICOLI RECENTI

tutte le news >

Racket, 20 anni di resistenza

La notte fra il 28 e il 29 giugno la città fu tappezzata dagli adesivi: “Un intero popolo che paga è un popolo senza...