Terre sottratte ai boss, la sfida delle ’ndrine

da

21 Agosto 2015

Fonte: la Repubblica

C’è puzza di ‘ndrangheta nella storia denunciata dalla cooperativa Giovani in Vita, che si occupa di gestire i patrimoni che lo Stato ha sottratto ai criminali della provincia reggina. Un tanfo che si sente lontano un miglio e rischia di asfissiare il gruppo di ragazzi che da mesi faticano in attesa dei raccolti di gennaio e febbraio. Hanno resistito a tutto, negli anni. Sono andati avanti quando sono arrivate le minacce. Hanno continuato a lavorare quando gli hanno tagliato gli alberi e rubato i trattori. Ora però devono affrontare una strategia mafiosa tutta nuova. Nuova e, se possibile, ancora più subdola. Lo definiscono uno «stillicidio di azioni, tendenti a fare terra bruciata intorno alla cooperativa, tanto da creare serie difficoltà nello svolgimento del lavoro».

Leggi l’articolo

LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Articoli recenti

Processo Maqueda, la Cassazione conferma una sentenza senza precedenti

Passata in giudicato la sentenza di condanna (con un annullamento con rinvio nei confronti di un...

Via libera!

Aiutaci a realizzare il nuovo spazio pedonale e di socializzazione di via Ingrassia. Uno spazio...

Olimpiadi popolari

Giovedì 16 giugno dalle ore 16.30 tra piazza Magione e la Palestra San Basilio si disputeranno le...

Mai più stragi, mai più soli: scendiamo in piazza come scorta civica

5 luglio, ore 19, piazza Duca d’Aosta (davanti Stazione Centrale), Milano In piazza, insieme,...

Il movimento cooperativo nella lotta contro le mafie

A 40 anni dall'uccisone di Pio La Torre e Rosario Di Salvo e 30 anni dalle stragi di Capaci e via...

23 maggio 1992 – 23 maggio 2022: 30 anni dalla strage di Capaci

Quest'anno ricorrono 30 anni dall'attentato mafioso che uccise il giudice Giovanni Falcone, la...
ULTIME DAI GIORNALI
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE