Storie di mafia e di antimafia. 6 – Bande, sette e squadre armate così agivano i “nonni” dei boss

da

6 Giugno 2015

Fonte: la Repubblica Palermo

Le maestranze e corporazioni locali, formate dagli artigiani, avevano costituito una polizia popolare che sostituiva le compagnie d’arme e le guardie e in quel periodo scomparvero i furti, le rapine e le violenze. Il problema era se a rubare fossero solo le guardie, gli sbirri-ladri, o anche i componenti delle ronde artigiane. Comunque nel 1774 la polizia popolare fu sciolta: era pericoloso lasciare la forza nelle mani del popolo, scrive l’abate- storiografo Giovanni Evangelista Di Blasi.

Leggi l’articolo

LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Articoli recenti

Processo Maqueda, la Cassazione conferma una sentenza senza precedenti

Passata in giudicato la sentenza di condanna (con un annullamento con rinvio nei confronti di un...

Via libera!

Aiutaci a realizzare il nuovo spazio pedonale e di socializzazione di via Ingrassia. Uno spazio...

Olimpiadi popolari

Giovedì 16 giugno dalle ore 16.30 tra piazza Magione e la Palestra San Basilio si disputeranno le...

Mai più stragi, mai più soli: scendiamo in piazza come scorta civica

5 luglio, ore 19, piazza Duca d’Aosta (davanti Stazione Centrale), Milano In piazza, insieme,...

Il movimento cooperativo nella lotta contro le mafie

A 40 anni dall'uccisone di Pio La Torre e Rosario Di Salvo e 30 anni dalle stragi di Capaci e via...

23 maggio 1992 – 23 maggio 2022: 30 anni dalla strage di Capaci

Quest'anno ricorrono 30 anni dall'attentato mafioso che uccise il giudice Giovanni Falcone, la...
ULTIME DAI GIORNALI
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE