“Speriamo che a me mi eviti”. Flamia parla e i boss tremano

da

7 Giugno 2014

I boss tremano. Il pentimento di Sergio Flamia fa paura. C’è il rischio concreto che piovano condanne all’ergastolo. E il fine pena mai spaventa. L’omicidio di Antonino Canu e la lupara bianca di Andrea Cottone sono i due i fatti di sangue raccontati finora da Flamia. E siamo solo all’inizio visto che il collaboratore di giustizia conosce i segreti di decine di omicidi. Lui che negli ultimi anni ha fatto il doppio gioco: mafioso di giorno e fonte dei servizi segreti di notte. Un pezzo grosso della mafia – era il numero 33 nei pizzini di Binu Provenzano – che nel frattempo vendeva le soffiate. E oggi in tanti tremano per le sue dichiarazioni.

Leggi l’articolo

LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Articoli recenti

Via libera!

Aiutaci a realizzare il nuovo spazio pedonale e di socializzazione di via Ingrassia. Uno spazio...

Olimpiadi popolari

Giovedì 16 giugno dalle ore 16.30 tra piazza Magione e la Palestra San Basilio si disputeranno le...

Mai più stragi, mai più soli: scendiamo in piazza come scorta civica

5 luglio, ore 19, piazza Duca d’Aosta (davanti Stazione Centrale), Milano In piazza, insieme,...

Il movimento cooperativo nella lotta contro le mafie

A 40 anni dall'uccisone di Pio La Torre e Rosario Di Salvo e 30 anni dalle stragi di Capaci e via...

23 maggio 1992 – 23 maggio 2022: 30 anni dalla strage di Capaci

Quest'anno ricorrono 30 anni dall'attentato mafioso che uccise il giudice Giovanni Falcone, la...

Processo Resilienza: sentenza senza precedenti per Borgo Vecchio

Si è concluso in abbreviato uno dei tronconi del processo Resilienza in cui la maggior parte gli...
ULTIME DAI GIORNALI
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE