Pizzo sui vigneti dell’Etna. I big del vino nel mirino del racket

da

30 Aprile 2015

Fonte: la Repubblica Palermo

A Castiglione di Sicilia, paese a spiccata vocazione vitivinicola sui costoni dell’Etna, Cosa nostra imponeva il pizzo sul nerello mascalese. Il vitigno che produce l’uva base della doc Etna, uno dei vini siciliani maggiormente esportati all’estero. E così i maggiori e più blasonati produttori di vino, sono stati in parte costretti a sottostare alle imposizioni di una costola del clan del defunto Paolo Brunetto, alleato nella zona ionica dei Santapaola- Ercolano.

Leggi l’articolo

LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Articoli recenti

Diamo il benvenuto nella rete di Addiopizzo a ContraLto – Pizzeria Materica Artigianale

È stata inaugurata lo scorso 19 aprile in via Ugo Foscolo, 15 a Palermo “ContraLto – Pizzeria...

Memoria e Impegno, XXXII anniversario della strage di Capaci

23 maggio 1992, una data impressa nella memoria collettiva italiana. In quella giornata, una...

Tutto pronto per MuST23, mercoledì 22 maggio l’inaugurazione

Dopo mesi di lavori per la predisposizione dell’area, MuST23 - Museo Stazione 23 Maggio è...

Alla scoperta della cittadinanza attiva: Addiopizzo e Istituto Comprensivo De Amicis-Da Vinci insieme

Un laboratorio di educazione civica, dedicato ai più piccoli, per diventare cittadini attivi e...

46esimo anniversario dell’omicidio mafioso di Peppino Impastato

da l' agenda dell'antimafia - Centro siciliano di documentazione "Giuseppe Impastato" - Palermo...

Il primo appuntamento di consumo critico “Pago chi non paga” di primavera presso Artedè-Grassi

Venerdì 10 maggio dalle ore 17,00, a Palermo, presso "Artedè Grassi", si svolgerà il primo...
ULTIME DAI GIORNALI
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE