Pizzo, le vittime parlano in aula: “Noi abbiamo finito di pagare”

da

10 Giugno 2020

Fonte: Giornale di Sicilia

Senza paura, davanti ai boss, ai due imputati dell’estorsione ai loro danni e ai cinque che da ieri si sono aggregati nel processo, per fatti simili. Antonio e Roberto Cottone, titolari del ristorante pizzeria La Braciera, raccontano un pizzo ereditato e andato avanti per quasi vent’anni, dal 1997 al 2016, quando – di fronte all’ennesimo avvicendamento di estortori – decisero di dire basta, si avvicinarono ad Addiopizzo e denunciarono.

Leggi l’articolo

 

LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Articoli recenti

Centotrent’anni fa l’omicidio Notarbartolo, il connubio tra mafia e politica

Era l'1 febbraio 1893. Emanuele Notarbartolo, sindaco di Palermo dal 1873 al 1875 e direttore del...

Inaugurato l’anno giudiziario nel distretto di Palermo: Cosa nostra in difficoltà ma tutt’altro che sconfitta

In occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario nel distretto della Corte di Appello di...

32 anni fa la lettera al “caro estortore”

In occasione dell'anniversario dell'appello di Libero Grassi, abbiamo accolto presso la nostra...

Nuovo bando per il Servizio Civile. Addiopizzo seleziona 3 volontari

Scegli di fare il Servizio Civile Universale con Addiopizzo, un'esperienza formativa di un anno...

In ricordo di Pippo Fava

Il 5 gennaio 1984 a Catania la mafia uccideva il giornalista e scrittore Giuseppe Fava. Catanese...

A Natale mettiamoci a posto

Come accade di consueto in prossimità delle festività di Natale, Cosa nostra ritorna a battere...
ULTIME DAI GIORNALI
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE