Pizzo, le vittime parlano in aula: “Noi abbiamo finito di pagare”

da

10 Giugno 2020

Fonte: Giornale di Sicilia

Senza paura, davanti ai boss, ai due imputati dell’estorsione ai loro danni e ai cinque che da ieri si sono aggregati nel processo, per fatti simili. Antonio e Roberto Cottone, titolari del ristorante pizzeria La Braciera, raccontano un pizzo ereditato e andato avanti per quasi vent’anni, dal 1997 al 2016, quando – di fronte all’ennesimo avvicendamento di estortori – decisero di dire basta, si avvicinarono ad Addiopizzo e denunciarono.

Leggi l’articolo

 

LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Articoli recenti

Memoria e impegno, ricordando Giorgio Ambrosoli

L’11 luglio 1979, 45 anni fa, la mafia eliminava a Milano Giorgio Ambrosoli, avvocato e...

Il segno. Cosa sono gli “attacchini” contro il pizzo ricomparsi per le vie di Palermo

Vent’anni fa nasceva a Palermo “Addiopizzo”, associazione impegnata a combattere i racket delle...

Gli “attacchini” di Addiopizzo tornano per le strade di Palermo con un nuovo messaggio

Questa notte siamo tornati per le strade di Palermo per rinnovare una tradizione che ci accompagna...

Addiopizzo, 20 anni di lotta al racket

Iniziative per ricordare e rilanciare l'impegno antimafia. Il servizio di Salvatore Fazio.

La resistenza civile di Angelo e Gaetano “Abbiamo detto no al ricatto mafioso”

Angelo e Gaetano hanno semplicemente avuto il coraggio di essere normali e il desiderio di...

I manifesti listati a lutto e la rivolta dei commercianti: una mostra per festeggiare i 20 anni di Addiopizzo

All’alba del 29 giugno del 2004 Palermo, per la prima volta nella sua storia, si risvegliò...
ULTIME DAI GIORNALI

Racket, 20 anni di resistenza

La notte fra il 28 e il 29 giugno la città fu tappezzata dagli adesivi: “Un intero popolo che...

5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE