Pizzo a Borgo Vecchio, 28 condanne

da

6 Maggio 2022

Giornale di Sicilia - Palermo

Le estorsioni al Borgo Vecchio senza sconti a niente e nessuno: dai cantieri ai negozi e pure alle feste patronali con i cantanti neomelodici sul palco. Ma le vittime si erano ribellate e, insieme, avevano fatto fronte comune e denunciato. A distanza di due anni dal blitz Resilienza eseguito dai carabinieri, arriva la stangata (con oltre 160 anni di carcere) per ventotto imputati in uno dei tronconi dell’inchiesta. Una sentenza storica.

Articoli recenti

23 maggio 1992 – 23 maggio 2022: 30 anni dalla strage di Capaci

Quest'anno ricorrono 30 anni dall'attentato mafioso che uccise il giudice Giovanni Falcone, la...

Presentazione del libro “Come mafia non comanda”

Mercoledì 11 maggio alle ore 17.30 verrà presentato al Museo Salinas di Palermo il libro “Come...

Processo Resilienza: sentenza senza precedenti per Borgo Vecchio

Si è concluso in abbreviato uno dei tronconi del processo Resilienza in cui la maggior parte gli...

Al via a Cinisi le iniziative in memoria di Peppino Impastato

Tante iniziative dal 4 al 9 Maggio 2022 per il 44° anniversario dall'assassinio di Peppino...

Calciando in rete: con i ragazzi della Magione ci mettiamo in gioco

È ufficialmente iniziata la XVIII edizione di Calciando in Rete. I nostri ragazzi del "Real...

In ricordo della Strage di Portella Della Ginestra

A 75 anni dall'eccidio i mandanti non sono ancora stati individuati. Il 1° maggio 1947 circa 2000...
ULTIME DAI GIORNALI
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE