Palermo, gli affari legati alla cocaina e la gestione affidata a Di Fede

da

10 Aprile 2024

GIORNALE DI SICILIA

Il punto di riferimento della cocaina per il mandamento di Brancaccio, a Palermo, era diventato Maurizio Di Fede, detto Ciuffetto, recentemente condannato a 17 anni e 4 mesi nel processo nato dalle operazioni Stirpe 1 e Stirpe 2 su mafia, estorsioni e traffico di droga. La sua scalata gli aveva permesso di raggiungere i più alti gradini della scala gerarchica, diventando una figura di primo piano, ma nei suoi confronti c’erano state alcune lamentele tanto che il boss Giuseppe Guttadauro e suo figlio Mario, attualmente in carcere, erano pronto a «vattiarlo», cioè a rimproverarlo.

Articoli recenti

Memoria e Impegno, XXXII anniversario della strage di Capaci

23 maggio 1992, una data impressa nella memoria collettiva italiana. In quella giornata, una...

Tutto pronto per MuST23, mercoledì 22 maggio l’inaugurazione

Dopo mesi di lavori per la predisposizione dell’area, MuST23 - Museo Stazione 23 Maggio è...

Alla scoperta della cittadinanza attiva: Addiopizzo e Istituto Comprensivo De Amicis-Da Vinci insieme

Un laboratorio di educazione civica, dedicato ai più piccoli, per diventare cittadini attivi e...

46esimo anniversario dell’omicidio mafioso di Peppino Impastato

da l' agenda dell'antimafia - Centro siciliano di documentazione "Giuseppe Impastato" - Palermo...

Il primo appuntamento di consumo critico “Pago chi non paga” di primavera presso Artedè-Grassi

Venerdì 10 maggio dalle ore 17,00, a Palermo, presso "Artedè Grassi", si svolgerà il primo...

Dalla Kalsa allo Stadio Barbera: il calcio che unisce

Anche quest’anno, grazie al Palermo Football Club e al suo Presidente Dario Mirri, insieme ai...
ULTIME DAI GIORNALI
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE