Mafia e fondi europei, scattano sei arresti

da

16 Gennaio 2018

Fonte: Giornale di Sicilia

I beni di Cosa Nostra: l’agricoltore di Capizzi accusato dai collaboratori di giustizia, avrebbe aiutato i boss latitanti di Gela e Riesi.
Sequestrati beni per 11 milioni di euro riconducibili a Giacomo Stanzù, le aziende gestite con una rete di prestanome.

Gabriele Giacomo Stanzù, aveva messo in piedi un vero e proprio impero. Nel 2011 era stato arrestato per l’omicidio di Francesco Saffila, rimediando una condanna definitiva a 14 anni.

 

Leggi l’articolo

LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Articoli recenti

In ricordo del giudice Rocco Chinnici

 29 luglio 1983. A Palermo, in via Pipitone Federico, un'autobomba uccide il consigliere...

In ricordo di Mario Bignone

Il 21 luglio del 2010 veniva prematuramente a mancare Mario Bignone, capo della Sezione Catturandi...

30° anniversario della strage di via D’Amelio

Martedì 19 luglio 2022 ricorre il 30° anniversario della strage di via D’Amelio in cui furono...

Presentazione del libro “Rinascere dalla mafia”

In occasione del 30° anniversario degli eccidi di Capaci e via D'Amelio, presentazione del libro...

“I paesi invisibili” di Anna Rizzo

Un viaggio nei piccoli borghi delle aree interne d’Italia tra isolamento e spopolamento,...

Processo Maqueda, la Cassazione conferma una sentenza senza precedenti

Passata in giudicato la sentenza di condanna (con un annullamento con rinvio nei confronti di un...
ULTIME DAI GIORNALI
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE