Mafia e colletti bianchi, nuovo patto

da

8 Settembre 2015

Fonte: la Repubblica Palermo 

L’ultima relazione semestrale della Dia al Parlamento lancia un allarme pesante: nonostante gli arresti degli ultimi anni, l’organizzazione mafiosa è «ancora in grado di espandere i propri interessi verso qualsiasi ingranaggio del meccanismo produttivo». Grazie a professionisti e manager complici che «procurano appoggi per inserirsi nel circuito socio-economico sano». Secondo la Dia, a «rischio contaminazione» c’è soprattutto un settore, «quello legato al ciclo di smaltimento dei rifiuti, settore fortemente in crisi — così viene definito dagli investigatori — anche per i ritardi accumulati nel tempo rispetto al recepimento delle direttive comunitarie in materia».


Leggi l’articolo

LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Articoli recenti

Diciottesimo anniversario della scomparsa di Felicia Bartolotta Impastato

In occasione del 18esimo anniversario della scomparsa di Felicia Bartolotta Impastato, madre di...

Piazza Magione, l’Investimento Collettivo continua

Proseguiamo a piazza Magione il percorso di inclusione sociale e di rigenerazione urbana con...

In memoria di Biagio Siciliano e Maria Giuditta Milella

Era il 25 novembre 1985. Un giorno rimasto tristemente scolpito nella memoria dei palermitani. Un...

Sentenza Araldo: condannati gli usurai e risarcite le vittime assistite da Addiopizzo

Ieri è stata emessa la sentenza di primo grado del processo Araldo in cui sono stati condannati...

In ricordo di Gaetano Giordano, a 30 anni dal suo omicidio

Gaetano Giordano era un imprenditore, gestiva insieme alla famiglia tre negozi di profumeria nella...

CROSS – La società civile nella lotta alle mafie globali dalla Convenzione di Palermo ad oggi

Al via "CROSS - La società civile nella lotta alle mafie globali dalla Convenzione di Palermo ad...
ULTIME DAI GIORNALI
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE