“Lia Pipitone non fu una vittima della mafia” La Regione dice no all’assunzione del figlio

da

22 Febbraio 2024

La Repubblica

Per anni ha lottato contro i boss che hanno ucciso sua madre quando era bambino, il 23 settembre 1983: Alessio Cordaro è riuscito a far con- dannare a 30 anni i capimafia Anto- nino Madonia, reggente del manda- mento di Resuttana, e Vincenzo Ga- latolo, capo della famiglia dell’Ac- quasanta. Adesso il figlio di Lia Pipi- tone lotta contro la burocrazia, che non vuole riconoscere sua madre vittima innocente della mafia. No- nostante le sentenze chiarissime dei giudici di Palermo.

«Esaurita la prevista attività istruttoria e disposti gli opportuni approfondimenti — ha scritto ad Alessio Cordar un dirigente dell’assessorato regionale della Famiglia e delle Politiche sociali — si comunica che la richiesta di assunzione ai sensi del- l’articolo 4 delle legge 20 del 1999 non può trovare accoglimento».

Articoli recenti

Rinascita sostenibile: uno swap party con Sartoria Sociale alla Bottega di Libera Palermo”

Sabato 13 aprile, alla Bottega di Libera Palermo, si svolgerà uno swap party organizzato in...

5×1000, anche quest’anno sostieni Addiopizzo

  Il 2023 è stato un anno particolarmente intenso, anche per questa ragione vogliamo...

“Da piazza Magione sopra le barriere, in volo su Palermo”

“Da piazza Magione sopra le barriere, in volo su Palermo” sintetizza il bisogno e il desiderio di...

Diamo il benvenuto a Pablo Bio & Vinili nella rete di Addiopizzo

Il 16 dicembre 2022 ha aperto i battenti “Pablo Bio & Vinili”, che fin da subito ha espresso...

Memoria e impegno, ricordando Renata Fonte

Il 31 marzo di quarant’anni fa la mafia compiva il primo omicidio nel Salento, in particolare ai...

Il liceo Fermi di Bologna incontra Addiopizzo

Nei giorni scorsi abbiamo accolto presso la nostra sede 37 studenti e studentesse della classe IV...
ULTIME DAI GIORNALI
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE