La ribellione al racket raccontata ai giudici: lo reputavo un amico ma mi chiese il pizzo

da

28 Giugno 2018

Fonte: Giornale di Sicilia

In aula un imprenditore di Altofonte: «Dissi no per dignità». Altre tre persone sono già state condannate in primo grado con l’abbreviato per la stessa estorsione. «Temevo ripercussioni – ha detto la presunta vittima – invece non ho avuto cali nelle vendite».

Leggi l’articolo

 

LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Articoli recenti

“Spaccio Ciauli”: filiera corta e consumo critico

È stato inaugurato lo scorso 1° febbraio in via Cluverio, 32 a Palermo “Spaccio Ciauli”, il...

Al via la nostra nuova rubrica “Scintille di Futuro”

Inauguriamo oggi la nuova rubrica online "Scintille di Futuro", un lavoro editoriale a cura della...

Processo Araldo: confermate condanne in appello

È stata confermata in appello, con delle lievi riduzioni di pena,  la sentenza di primo grado del...

La rete dei ristoranti di Addiopizzo a sostegno di “Via Libera”

Dal 16 al 18 febbraio 9 ristoranti e pizzerie che fanno parte della rete di Addiopizzo sostengono...

Calciando in rete: con i ragazzi della Magione ci mettiamo in gioco

Quest’anno il Torneo “Calciando in Rete”, promosso e organizzato dall’Associazione Culturale San...
ULTIME DAI GIORNALI
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE