Il ritorno del racket dopo il lockdown nel mirino i cantieri edili e gli appalti

da

18 Settembre 2020

Fonte: la Repubblica – Palermo

Dal centro città a San Lorenzo, una sequenza di visite degli esattori del pizzo e di intimidazioni: l’allarme degli inquirenti. A Sferracavallo bruciato un mezzo della ditta che realizza il collettore fognario. Il titolare: ” Non cederemo a nessun ricatto”.

Leggi l’articolo

 

LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Articoli recenti

Must23 verso l’apertura: dal passato al presente, direzione futuro

Mancano ormai pochi mesi all'apertura di Must23 -  Museo Stazione 23, prevista nei giorni vicini...

Il liceo Marconi di Foggia da Addiopizzo

Lunedì 26 febbraio abbiamo accolto presso la nostra sede una novantina di studenti e studentesse...

Ricordando Pietro Patti, imprenditore libero e onesto

Il 27 febbraio 1985 la mafia uccideva a Palermo  Pietro Patti. L'imprenditore non aveva ceduto...

Processo Resilienza, confermata sentenza in appello

È stata confermata in appello, con delle lievi riduzioni di pena,  la sentenza di primo grado...

“Spaccio Ciauli”: filiera corta e consumo critico

È stato inaugurato lo scorso 1° febbraio in via Cluverio, 32 a Palermo “Spaccio Ciauli”, il...
ULTIME DAI GIORNALI
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE