Il ritorno del racket dopo il lockdown nel mirino i cantieri edili e gli appalti

da

18 Settembre 2020

Fonte: la Repubblica – Palermo

Dal centro città a San Lorenzo, una sequenza di visite degli esattori del pizzo e di intimidazioni: l’allarme degli inquirenti. A Sferracavallo bruciato un mezzo della ditta che realizza il collettore fognario. Il titolare: ” Non cederemo a nessun ricatto”.

Leggi l’articolo

 

LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Articoli recenti

In memoria di Biagio Siciliano e Maria Giuditta Milella

Era il 25 novembre 1985. Un giorno rimasto tristemente scolpito nella memoria dei palermitani. Un...

Sentenza Araldo: condannati gli usurai e risarcite le vittime assistite da Addiopizzo

Ieri è stata emessa la sentenza di primo grado del processo Araldo in cui sono stati condannati...

In ricordo di Gaetano Giordano, a 30 anni dal suo omicidio

Gaetano Giordano era un imprenditore, gestiva insieme alla famiglia tre negozi di profumeria nella...

CROSS – La società civile nella lotta alle mafie globali dalla Convenzione di Palermo ad oggi

Al via "CROSS - La società civile nella lotta alle mafie globali dalla Convenzione di Palermo ad...

Blitz a Misilmeri. Il coraggio di chi ha denunciato con il sostegno di Addiopizzo

Apprendiamo della significativa operazione dei carabinieri del nucleo investigativo di Palermo e...

Da piazza Magione sopra le barriere, in volo su Palermo

“Da piazza Magione sopra le barriere, in volo su Palermo” rappresenta il bisogno e il desiderio di...
ULTIME DAI GIORNALI
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE