Il figlio del boss ucciso indaga da solo e fa arrestare i killer

da

10 Settembre 2015

Fonte: la Repubblica Palermo

Per giorni, ha vagato tra i casermoni dello Zen. In cerca di un indizio, di una prova. Per provare a risalire agli assassini di suo padre, Franco Mazzè, uno dei ras del quartiere. Paolo, che ha trent’anni, non cercava però vendetta. Voleva giustizia. Voleva soprattutto rompere il muro di omertà che ha reso difficilissime le indagini della polizia, giunte poi comunque al principale colpevole, Fabio Chianchiano, boss vicino ai Lo Piccolo.

Leggi l’articolo

 

LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Articoli recenti

Diamo il benvenuto nella rete di Addiopizzo a ContraLto – Pizzeria Materica Artigianale

È stata inaugurata lo scorso 19 aprile in via Ugo Foscolo, 15 a Palermo “ContraLto – Pizzeria...

Memoria e Impegno, XXXII anniversario della strage di Capaci

23 maggio 1992, una data impressa nella memoria collettiva italiana. In quella giornata, una...

Tutto pronto per MuST23, mercoledì 22 maggio l’inaugurazione

Dopo mesi di lavori per la predisposizione dell’area, MuST23 - Museo Stazione 23 Maggio è...

Alla scoperta della cittadinanza attiva: Addiopizzo e Istituto Comprensivo De Amicis-Da Vinci insieme

Un laboratorio di educazione civica, dedicato ai più piccoli, per diventare cittadini attivi e...

46esimo anniversario dell’omicidio mafioso di Peppino Impastato

da l' agenda dell'antimafia - Centro siciliano di documentazione "Giuseppe Impastato" - Palermo...

Il primo appuntamento di consumo critico “Pago chi non paga” di primavera presso Artedè-Grassi

Venerdì 10 maggio dalle ore 17,00, a Palermo, presso "Artedè Grassi", si svolgerà il primo...
ULTIME DAI GIORNALI
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE