Il boss Vito Galatolo “La morte di Di Matteo decisa in un summit tra i capimafia”

da

14 Novembre 2014

Fonte: la Repubblica – Palermo

È uno degli irriducibili di Cosa nostra al 41 bis, e al momento vuole restare tale, ma dice di volersi togliere un peso dalla coscienza. È Vito Galatolo, il capomafia dell’Acquasanta, l’autorevole fonte che ha svelato il progetto di attentato nei confronti del pubblico ministero Nino Di Matteo. Qualche giorno fa, ha chiesto di parlare con il magistrato che i boss vogliono uccidere e lo ha messo in guardia.

Leggi l’articolo

LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Articoli recenti

Inclusione sportiva. Addiopizzo promuove visite mediche gratuite per i ragazzi della Kalsa

Addiopizzo promuove le visite mediche per i ragazzi che iniziano le attività di inclusione...

Presentazione del libro “Come mafia non comanda”

Martedì 27 settembre alle 18:00 presso Feltrinelli Libri e Musica in via Cavour 133 si terrà la...

32 anni fa l’omicidio del giudice Livatino

21 settembre 1990, sulla statale tra Canicattì e Agrigento veniva ucciso il giudice Rosario...

Sosteniamo Redattore Sociale

Redattore Sociale, voce online sui temi del disagio sociale, del volontariato e del Terzo Settore,...

Dona un albero per il giardino della memoria e dell’impegno di Casa Felicia

L’Associazione Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato in questi giorni si sta dedicando, con...

Nasce Il Giusto catering

Il consumo critico Pago chi non paga è un circuito virtuoso che vuole far crescere sinergie, per...
ULTIME DAI GIORNALI
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE