Dal carcere gli ordini per gestire il mandamento

da

17 Novembre 2014

Fonte: Giornale di Sicilia

Ordini e designazioni sui sostituti. Tutto questo partiva dal carcere dai boss palermitani di Brancaccio. È stato scoperto grazie alle intercettazioni svolte durante i colloqui tra detenuti come Cesare Carmelo Lupo e Giuseppe Arduino ed i loro familiari. Da questi colloqui sono saltati fuori i nomi dei fratelli Giuseppe e Natale Bruno. Così due anni fa sono scattate le indagini dell’operazione «Zefiro», sfociate nel blitz della scorsa settimana.

Leggi l’articolo

LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Articoli recenti

Memoria e impegno, ricordando Giorgio Ambrosoli

L’11 luglio 1979, 45 anni fa, la mafia eliminava a Milano Giorgio Ambrosoli, avvocato e...

Gli “attacchini” di Addiopizzo tornano per le strade di Palermo con un nuovo messaggio

Questa notte siamo tornati per le strade di Palermo per rinnovare una tradizione che ci accompagna...

ADDIOPIZZO 20, la mostra che racconta i vent’anni di Addiopizzo

All’alba del 29 giugno del 2004 la città di Palermo, per la prima volta, si risvegliava tappezzata...

Entra nella rete di consumo critico “Pago chi non paga” il ristorante Addakuosa

Lo scorso primo marzo ha aperto i battenti “Addakuosa”, il ristorante di Luciano Di Marco (detto...

Addiopizzo si costituisce parte civile nei confronti dei 31 commercianti di Brancaccio

Nella giornata di ieri siamo stati ammessi dal giudice dal giudice per l’udienza preliminare parte...

La tap room di Ballarak si unisce alla rete di Addiopizzo

Per molti palermitani e non, Ballarak è un nome e un logo che sicuramente hanno incontrato e che...
ULTIME DAI GIORNALI

Racket, 20 anni di resistenza

La notte fra il 28 e il 29 giugno la città fu tappezzata dagli adesivi: “Un intero popolo che...

5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE