Controllo di Cosa Nostra sulle feste rionali

da

25 Luglio 2017

Fonte: Giornale di Sicilia – Palermo

Grazie ad un’intercettazione ottenuta durante le indagini sulla cosca di Brancaccio, gli investigatori hanno scoperto come gli uomini di Pietro Tagliavia gestiscano anche le feste di quartiere, attraverso la fornitura di birra, la scelta degli uomini che possono avere uno stand, e la richiesta di una tassa per ogni cassa di birra venduta. A fornire le informazioni riguardanti questo meccanismo è l’indagato Santo Carlo Di Giuseppe, uno degli indagati nel Giugno del 2014, il quale eseguiva soltanto gli ordini del boss Giuseppe Caserta.

 

Leggi l’articolo

LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Articoli recenti

Must23 verso l’apertura: dal passato al presente, direzione futuro

Mancano ormai pochi mesi all'apertura di Must23 -  Museo Stazione 23, prevista nei giorni vicini...

Il liceo Marconi di Foggia da Addiopizzo

Lunedì 26 febbraio abbiamo accolto presso la nostra sede una novantina di studenti e studentesse...

Ricordando Pietro Patti, imprenditore libero e onesto

Il 27 febbraio 1985 la mafia uccideva a Palermo  Pietro Patti. L'imprenditore non aveva ceduto...

Processo Resilienza, confermata sentenza in appello

È stata confermata in appello, con delle lievi riduzioni di pena,  la sentenza di primo grado...

“Spaccio Ciauli”: filiera corta e consumo critico

È stato inaugurato lo scorso 1° febbraio in via Cluverio, 32 a Palermo “Spaccio Ciauli”, il...
ULTIME DAI GIORNALI
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE