‘Addiopizzo’: jóvenes emprendedores contra la mafia (I)

da

20 Gennaio 2017

Fonte: Compromiso Empresaria

Libero Grassi fue el primer empresario siciliano que se negó a pagar el ‘pizzo’ (la extorsión económica que la mafia viene aplicando desde hace generaciones a todos los comercios) y que denunció públicamente a la organización criminal. Aunque la mafia terminó con su vida, su testimonió inspiró trece años más tarde el nacimiento de ‘Addiopizzo’, un movimiento social impulsado por un grupo de estudiantes que está generando en Sicilia una auténtica revolución cultural contra la mafia.

LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Articoli recenti

Centotrent’anni fa l’omicidio Notarbartolo, il connubio tra mafia e politica

Era l'1 febbraio 1893. Emanuele Notarbartolo, sindaco di Palermo dal 1873 al 1875 e direttore del...

Inaugurato l’anno giudiziario nel distretto di Palermo: Cosa nostra in difficoltà ma tutt’altro che sconfitta

In occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario nel distretto della Corte di Appello di...

32 anni fa la lettera al “caro estortore”

In occasione dell'anniversario dell'appello di Libero Grassi, abbiamo accolto presso la nostra...

Nuovo bando per il Servizio Civile. Addiopizzo seleziona 3 volontari

Scegli di fare il Servizio Civile Universale con Addiopizzo, un'esperienza formativa di un anno...

In ricordo di Pippo Fava

Il 5 gennaio 1984 a Catania la mafia uccideva il giornalista e scrittore Giuseppe Fava. Catanese...

A Natale mettiamoci a posto

Come accade di consueto in prossimità delle festività di Natale, Cosa nostra ritorna a battere...
ULTIME DAI GIORNALI
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE